10 cose che ho imparato nel 2012

  1. Niente che valga la pena di conoscere può essere compreso dalla mente.
  2. Soffermarsi a contemplare il significato della vita è un esercizio piuttosto futile.
  3. C’è sempre qualcosa di inutile in cui ognuno di noi eccelle.
  4. A volte è molto utile trarre la propria idea di libertà dal servilismo altrui.
  5. Pensiamo sempre troppo, sentiamo sempre troppo poco.
  6. Dire di no.
  7. Sono bravo ad elevare i gusti delle persone che mi circondano. Lo sono talmente tanto che finiscono sempre per desiderare la compagnia di gente migliore di me.
  8. Il rigore dei tedeschi può essere battuto.
  9. Il 3 novembre 2012, nella partita Juventus-Inter, il rigore su Milito non c’era.
  10. Non devo ripetermi. Non devo ripetermi. Non devo ripetermi.