Dire basta, dire sì

È in base a delle scelte che sarai odiato o amato, evitato o sopportato, disprezzato o osannato.

La sostanza è tutta in ciò a cui dici BASTAe ciò a cui dici .

Basta ai compromessi morali, sì alla vita vissuta come si vuole.

Basta con i consigli buonisti, sì alle critiche che ti indicano la strada.

Basta col turismo di massa di gente inconsapevole e spocchiosa, sì alle notti su divani sconosciuti.

Basta con certe facce, non le sopporto più! Sì ad altre facce, vorrei vederle sempre!

Sì al coraggio di andare al cinema da soli a vedere film che non piacciono a nessuno
e basta coi filmetti dal solito scontato copione realizzati solo per far cassa al box office.

Basta con la fase difensiva, per vincere bisogna attaccare!

Sì al chiedersi sempre il perché, sì all’approfondimento della notizia che si ascolta,

sì all’essere considerato il solito rompipalle che non sa stare a tavola.

Basta con l’accondiscendenza, basta col perbenismo e il moralismo ipocrita di chi dovrebbe vergognarsi e non lo fa.

Sì alle persone che vogliono cambiare il mondo coi piccoli gesti e che ci riusciranno.

Basta a quelli che fanno finta di niente, a quelli che pensano solo a se stessi
perché non hanno una visione d’insieme.

Basta col potere in mano a certa gente, basta con l’illegale legalizzato.
Sì all’illegittimo che è giusto.

 

 

Sì a chi lotta e non si arrende, sì a chi ci prova.

Sì all’edonismo e ai bohémien.
Sì all’Indie Rock, al Funky Rock e al Rock ‘n Roll.

Sì a chi si siede in un angolo buio, in silenzio, a pensare, a esplorare il lato oscuro.

Sì al caffè corretto, basta col politicamente corretto.

Basta col cospargersi il capo di cenere.

Sì all’imparare sbagliando, fasciandosi la testa e poi sbagliando di nuovo.
Sì a chi si appassiona e a chi si emoziona.


Essere significa dire sì, significa dire basta.

  • Pina

    Tra i tanti Sì, Sì all’Indie Rock 🙂 …Bravo Cà!