La grande domanda

Nel geniale romanzo “Guida galattica per gli autostoppisti” l’autore Douglas Adams affida a Pensiero Profondo, «il secondo più grande computer dell’Universo del Tempo e dello Spazio», la risposta alla grande domanda sulla vita, l’Universo e tutto quanto. Dopo sette milioni di anni, con infinita calma e solennità,  Pensiero Profondo fornì la risposta: 42.
Fu necessario costruire un nuovo computer in grado di fornire la domanda della risposta fondamentale sulla vita, l’Universo e tutto quanto.

Serve una domanda. Siamo circondati da risposte di cui non conosciamo le domande, e credo sia questo il motivo principale della deriva di questa società malata. Nessuno si fa più le domande, nessuno le fa a chi dovrebbe fornire le risposte, si limita a mettergli davanti un microfono in modo che il bellimbusto di turno posso dare le risposte che vuole dare, ma che nessuno gli aveva chiesto.

È il caso dunque di porre delle domande:

  • Quando questa nazione aprirà gli occhi?
  • È possibile che questo popolo sia davvero così marcio come qualcuno vuole farci credere?
  • Qualcuno può spiegare a quel 46% di italiani che crede di aver votato l’attuale presidente del Consiglio che garantismo e impunità non sono sinonimi?
  • Può un giornale che difende il suo editore essere credibile?
  • Perché se “Il Giornale” (2,5 mln € di finanziamenti pubblici annui) o “Libero” (5 mln €) pubblicano qualcosa su qualcuno che non stia propriamente simpatico al loro editore quella pubblicazione viene definita “inchiesta”, mentre “Il Fatto Quotidiano” (0 €) viene tacciato di essere fazioso qualsiasi cosa pubblichi?
  • Perché ci sono mamme che sperano che le proprie figlie la diano via ad un politico?
  • Come farà Letizia Moratti, moglie di un petroliere, a convincere i milanesi a lasciare l’auto a casa?
  • Perché il PD parla di un ricambio generazionale e ha tra le sue fila gente che siede in Parlamento da 25 anni?
  • Perché se fai l’onesto passi come l’ultimo dei coglioni?

Domande come queste ce ne sarebbero a bizzeffe, ma il problema è che nessuno le fa ai diretti interessati. Sia chiaro, non voglio fare il moralista, soprattutto in ambito sessuale. Penso che ognuno possa scopare con chi gli pare, eterosessuali, omosessuali o transessuali che siano. Però se una persona tira fuori dalla questura una 17enne fermata per furto, fortemente sospettata di essere stata pagata per prostituirsi, mi viene il dubbio che quella voglia di darle la libertà sia dovuta al timore che la ragazza parli piuttosto che ad un nobilissimo gesto di beneficenza. Dunque che i magistrati indaghino, e che un tribunale della repubblica si esprima in merito, assolvendo e condannando. Ma essere garantisti non vuole dire rimanere impuniti.

Ma la cosa più dolorosa è constatare che combattere l’attuale status quo sia visto da molti solo come un mero tentativo di vendere fumo, di proclamare idee impossibili da realizzarsi, che il mondo così com’è non si possa cambiare.

Sarò un inguaribile ottimista, un romantico, un illuso, non lo so. Eppure sono convinto che si possano cambiare. Dai piccoli gesti, come andare a vedere questo o quel film, o spegnere la tv, o acquistare un prodotto anziché un altro, agire in nome di ciò che è meglio per la collettività piuttosto che solo per se stessi, condividere una risorsa. Tutti fanno i furbi, e per chiunque viene naturale chiedersi perché proprio io dovrei cercare di raggiungere il mio obiettivo in maniera onesta. Rifiutare l’idea che la telefonata a quella persona potente possa aprirti strade che in realtà potrebbero essere già aperte, se ci si impegna in ciò che si fa.
E poi ovviamente bisogna farsi delle domande, sempre, e non dare mai nulla per scontato.

Sarò un illuso, un ottimista troppo sognante, un idealista arrabbiato, trovate qualsiasi definizione per me. Ma credo di aver fatto mio il senso di queste parole di Paolo Borsellino:

«La lotta alla mafia non doveva essere soltanto una distaccata opera di repressione, ma un movimento culturale e morale che coinvolgesse tutti e specialmente le giovani generazioni, le più adatte a sentire subito la bellezza del fresco profumo di libertà che fa rifiutare il puzzo del compromesso morale, dell’indifferenza, della contiguità e quindi della complicità.»

C’è bisogno che qualcuno ce le ricordi. Sempre.