LogOUTs /1

HELL
   Lo duca e io per quel cammino ascoso
intrammo a ritornar nel chiaro mondo;
e sanza cura d’aver alcun riposo,
   salimmo sù, el primo e io secondo,
tanto ch’ì vidi de le cose belle
che porta ‘l ciel, per un pertugio tondo.
   E quindi uscimmo a riveder le stelle.

PURGATORY
   S’io avessi, lettor, più lungo spazio
da scrivere, i’ pur cantere’ in parte
lo dolce ber che mai non m’avria sazio;
   ma perché piene son tutte le carte
ordite a questa cantica seconda,
non mi lascia più ir lo fren de l’arte.
   Io ritornai da la santissima onda
rifatto sì come piante novelle
rinovellate di novella fronda,
   puro e disposto a salire le stelle.

HEAVEN
   Qual è la geomètra che tutto s’affige
per misurar lo cerchio, e non ritrova,
pensando, quel principio ond’elli indige,
   tal era io a quella vista nova:
veder voleva come si convenne
l’imago al cerchio e come vi s’indova;
   ma non eran da ciò le proprie penne:
se non che la mia mente fu percossa
da un fulgore in che sua voglia venne.
   A l’alta fantasia qui mancò possa;
ma già volgeva il mio disio e ‘l velle,
sì come rota ch’igualmente è mossa,
   l’amor che move il sole e l’altre stelle.